Quando pensiamo ad un computer, oggi, la prima cosa che ci viene in mente è quello che usiamo tutti i giorni, per svago, per studio, e soprattutto per lavoro. I computer, ai nostri giorni, sono strumenti usati dalle aziende per svolgere ormai quasi tutte le funzioni dei propri uffici, dalla contabilità al marketing, dalla gestione dei progetti alla comunicazione tra gli impiegati, dal disegno tecnico alla gestione commerciale, dalla logistica al controllo dei prodotti e dei servizi.

Ma non è sempre stato così. Alla loro nascita, i computer erano strumenti profondamente differenti, ed erano stati inventati per scopi completamente diversi e lontani anni luce dalla gestione aziendale. Tutto questo cambiò a partire dal 1947, e la responsabile per questo cambiamento epocale fu una storica catena di sale da tè inglesi. Questa è la storia di questa svolta epocale, che, come molte altre, arrivò per una serie di circostanze imprevedibili, cambiando per sempre il destino dei calcolatori elettronici, e che sta alla base del motivo per cui, su tutte le scrivanie di tutti gli uffici del mondo, oggi, c’è un computer.

LEO I
Il team nel 1950 - Ultima fila: G. R. Gibbs, Miss Jean Cox, W. H. Dutton. Seconda fila: R. T. Shaw, E. J. Kaye, J. M. M. Pinkerton, E.H.Lenaerts. Prima fila:Miss B. Plant, David Wheeler.
Dimostrazione del funzionamento di LEO
David Caminer
Costruzione di LEO
EDSAC
La fabbrica della Lyons
Un negozio Lyons
Ernest Lenaerts e Derek Hemy durante un test di affidablità di LEO
Un ingegnere al lavoro su LEO I
La sala di controllo di LEO con le macchine per l'inserimento delle schede perforate
Esempio di schede perforate usate per programmare LEO
LEO II
LEO III

Per chi vuole approfondire: